Cricket nel 2019: Ben Stokes e Steve Smith brillano in un anno ricco di eventi

Ben Stokes ha recitato come l'Inghilterra ha vinto per la prima volta la Coppa del Mondo prima di produrre uno degli innings più memorabili nella storia di Ashes mentre l'australiano Steve Smith ha goduto di un ritorno di successo sulla scena internazionale dopo lo scandalo 'manomissione della carta vetrata'.

Ma non erano gli attori solitari solitari nel 2019.

Ecco uno sguardo a cinque episodi memorabili dell'anno nel cricket.

Il 153 di Perera non stordisce il Sudafrica
Gennaio ha visto Kusal Perera compilare uno dei più grandi inning nella storia del Test quando il suo straordinario 153 non ha guidato lo Sri Lanka a una straordinaria vittoria del Wicket sul Sudafrica a Durban.

Lo Sri Lanka ha ancora bisogno di altre 78 piste per la vittoria quando l'ultimo uomo Vishwa Fernando si è unito a Perera nel mezzo.

Perera allora non era uscito e l'unica speranza realistica era che Fernando sarebbe rimasto in giro abbastanza a lungo da poterne ottenere un centinaio.

Ha fatto un po 'di più, però, mentre Perera, che ha colpito cinque e sei, tra cui due del grandissimo bowling Dale Steyn, è riuscito superbamente a colpire lo Sri Lanka con l'obiettivo di 304.

Thriller finale della Coppa del mondo
L'Inghilterra ha finalmente concluso la loro attesa di 45 anni per il primo titolo maschile di Coppa del Mondo con una straordinaria vittoria sulla Nuova Zelanda in una finale straordinaria al Lord's a luglio che li ha visti trionfare di "il più piccolo margine" nelle parole dell'ex wicketkeeper dei Black Caps girato commentatore Ian Smith.

L'84 non uscito da Ben Stokes ha aiutato l'Inghilterra a eguagliare, ma non ha superato il 241 della Nuova Zelanda, i suoi inning, tra cui un sei fortunato che è venuto dopo un tiro dall'esterno, sono stati deviati dalla sua mazza e hanno fatto quattro tiri bonus.

Per la prima volta, la finale è finita in un Super Over e anche qui i punteggi erano a livello, con l'esaurimento del neozelandese Martin Guptill sull'ultima palla della partita, che ha visto l'Inghilterra vincere su un limite superiore.

Stokes, la cui carriera fu quasi conclusa da un caso giudiziario che alla fine lo vide assolto con l'accusa di disprezzo, era un eroe nazionale.

Torna il battitore di stelle Smith
Dubbi sul fatto che Steve Smith fosse ancora lo stesso battitore del Test a seguito di un divieto di 12 mesi per il suo ruolo nello scandalo della manomissione della carta vetrata in Sudafrica che gli è costato il capitano in Australia, che si è aperto nell'apri delle ceneri a Edgbaston dove ha segnato il suo ritorno con un superbo inning di 144 e 142 durante un trionfo di 251.

È stato l'inizio di una corsa straordinaria che ha visto Smith segnare 774 corse a una media di 110,57.

L'Australia ha mantenuto le ceneri mentre la serie di cinque partite terminava tutta in piazza al 2-2, con il colpo alla testa che Smith ha subito dopo essere stato colpito da un buttafuori di Jofra Archer durante la seconda partita pareggiata al momento in cui Lord ha visto Marnus Labuschagne diventare il primo sostituto della commozione cricket del Test cricket .

Eroismo di Stokes Headingley
L'Inghilterra era già stata lanciata per un terribile 67 nei loro primi inning quando l'ultimo uomo Jack Leach si unì a Stokes con i padroni di casa che avevano ancora bisogno di 73 tiri in più per raggiungere un obiettivo di vittoria di 359 nel terzo Test a Headingley.

0 Comments